Guido Chiarelli, illuminazione pubblica

Mole Antonelliana e Tour Eiffel

Confronto Tour Eiffel Mole A.

Non è la prima volta che l’edificio progettato da Alessandro Antonelli subisce un restyling di illuminazione. È ancora Guido Chiarelli, nel ’61, a ideare un corredo di luci ispirato guarda caso a quello della torre di Gustave Eiffel. E le similitudini con Parigi non si fermano qui, dato che furono le sue intuizioni in fatto di lampioni a contribuire a dipingere Torino come la «Ville Lumière» italiana.

citazione da un articolo di Andrea Rinaldi – Corriere della Sera 24 novembre 2017

https://torino.corriere.it/tempo-libero/17_novembre_24/torino-13-documentoacorriere-web-torino-27f50b68-d088-11e7-90be-0a385e484c27.shtml

Annunci
Guido Chiarelli, illuminazione pubblica

Posa Targa commemorativa per Guido Chiarelli al Valentino

Torino: Approvata dalla Giunta Comunale la posa di una Targa commemorativa per GUIDO CHIARELLI, a ricordo della sua opera per migliorare la pubblica illuminazione della città di Torino (1928-1968).

http://www.lastampa.it/2018/07/25/cronaca/il-ponte-sulla-dora-a-torino-sar-intitolato-ai-migranti-morti-in-mare-BLNJkUJ8Pt39s5YViTVDuJ/pagina.html

Flor 61

Altri links:

http://www.comune.torino.it/cittagora/in-evidenza/dalleccidio-di-aigues-mortes-alla-famiglia-levi-montalcini-le-nuove-intitolazioni-in-citta.html

http://www.piemontetopnews.it/viali-piazzali-e-una-biblioteca-intitolati-ai-fratelli-levi-montalcini-e-a-bianca-guidetti-serra/

http://www.mole24.it/2018/07/25/a-torino-una-piazza-dedicata-a-rita-levi-montalcini-altri-cambiamenti-in-vista-in-citta/

 

https://torino.diariodelweb.it/torino/articolo/?nid=20180724-523862

 

Senza categoria

PRIVACY POLICY by IUBENDA

Nuovo Regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali (GDPR)

A partire dal 25 maggio 2018, è entrato in vigore il nuovo Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati (Regolamento Europeo sulla protezione dei dati n. 2016/ 679 GDPR).
Potete prenderne visione a questo link http://www.garanteprivacy.it/web/guest/regolamentoue

In accordo con la normativa, questo sito non detiene gli indirizzi di posta elettronica dei suoi lettori e commentatori.

 

Privacy Policy

 

 

 

Guido Chiarelli, illuminazione pubblica

Guido Chiarelli e la illuminazione pubblica a Torino dal 1956 al 1968

La biografia

Guido Chiarelli nasce il 24 settembre 1902 a Caltanissetta.

Primo di quattro figli, passa l’infanzia in Sicilia nella casa di famiglia.

Il padre Angelo aveva immaginato per il figlio un futuro di ingegnere minerario: Guido si iscrive dunque all’Università di Palermo. Completa i suoi studi al Politecnico di Torino, seguendo però il corso di laurea in ingegneria elettrotecnica; nel 1928 viene assunto al Municipio di Torino.

Durante la sua lunga carriera si occupa di impianti elettrici interni, termici, gasdotti, orologi, semafori, ma il suo nome resta soprattutto legato all’illuminazione pubblica della città di Torino, dove ha condotto una vera e propria innovazione degli impianti: dal 1956 al 1968 ricopre infatti l’incarico di Ingegnere Capo Divisione alle Div. VII e poi V LL.PP. del Municipio di Torino.

Un ruolo molto significativo è quello svolto durante le celebrazioni di “ITALIA’ 61″ per il centenario dell’Unità d’Italia, quando numerosi nuovi impianti sono progettati e installati per l’occasione e Torino si trasforma – come Parigi – in una vera ”ville lumière”.

Con Guido Chiarelli per la prima volta l’illuminazione pubblica trova un risvolto artistico: particolarmente suggestiva, ad esempio, è l’illuminazione notturna del Parco del Valentino, realizzata per la grande mostra “FLOR ”61″ (foto archivio).

Nel 1958 riceve l’onorificenza di Cavaliere e nel 1965 quella di Cavaliere Ufficiale “al merito della Repubblica Italiana”.

Guido Chiarelli si spegne il 7 ottobre 1982, con il rimpianto e il commiato di tutta la città.

Bibliografia:

A.G. Actis-M. Bodo- M. Broglino: Torino di luce, Arti Grafiche Alzani, Pinerolo (TO), 2006

http://www.comune.torino.it/cultura/biblioteche/ricerche_cataloghi/pdf/bibliografie/mercati.pdf

 

Guido_Chiarelli